Pubblicato da: thinkingdigital | 15 novembre 2011

“InnLab & Venture Capital”: Venture capitalist alla ricerca di idee palermitane

InnLab locandinaGiovedì 10 Novembre 2011, sotto il patrocinio di Innovactionlab ed Ethyca, in partnership con l’incubatore Consorzio ARCA, si è tenuto l’evento “InnLab & Venture Capital“.
Alla la Facoltà di Ingegneria di Palermo si sono riuniti venture capitalist (investitori privati) intenzionati a finanziare idee start up e spin off nel settore ICT.
Il workshop condotto da Augusto Coppola, Co –Founder InnLab, ha dato la possibilità a giovani e imprenditori desiderosi di far conoscere la propria idea imprenditoriale e di business nell’ambito dell’ICT, di presentare a Quantica ( fondo da circa 80 milioni di euro per il Sud)  pitch di 7 minuti ciascuno. InnovActionLab (http://www.facebook.com/InnovActionLab) selezionerà e assisterà le idee migliori su cui investire attraverso oltre 100 testimonial di venture capital italiani.
Come ci insegana Luca Lani nel suo blog, i Venture capitalis si dividono in 3 categorie:

  • Business angels, investono su un’idea con investimenti  dai 20k ai 100k, operando quasi sempre  personalmente.  Operano privatamente e spesso sono membrei associazioni di Angels come l’IAG:
    • Italian Angels for Growth E’ una associazione di quasi 100 business angels  che opera però non solo su internet e digitale ma anche nel biomedicale ed altri settori. Un team centrale vaglia i progetti e li presenta ad i soci (angels) in alcuni momenti dell’anno. Dopo un breve speech del founder della start-up decidono se e quando investire individualmente.
      Il processo dura minimo 4-5 mesi  ed il range delle operazioni va da 50 a 500k euro. (Iag website).
  •  Seeding o “early stage”investono tra i 50k e i 500k, quando esistente un’idea e il prototipo, contribuendo all’apertura dell’azienda e ai primi test verso i consumatori o i clienti.  Ne fanno parte:
    • Dpixel Coordinata da Gianluca Dettori, è molto nota e molto attiva. In genere investe dai 70 ai 350, focalizzata solo sul digitale e internet. Hanno investito tra gli altri in Seolab, ed hanno un team di analisti esperti del  web   (Info su Dpixel website)
    • Annapurna Fondata da Massimiliano Magrini (ex country manager google). Investe nel tipico range del Seeding ed early stage. Seleziona nuove imprese nella fase iniziale del loro ciclo di vita, fornendo loro un supporto finanziario, analitico e di affiancamento imprenditoriale. La società opera principalmente nell’ambito dell’economia digitale, con un focus specifico sui servizi web, il software per imprese e la tecnologia mobile. Portfolio giovane, come giovane è la società. Recentemente è stata annunciata una operazione su Paperlit ( Info su Annapurna Website)
    • H-farm Fondata da Donadon (ex E-tree) è un VC sui generis perchè svolge più il ruolo di incubatore offrendo spazio, ufficio, competenze (oltre ai soldi). Range di investimento tipico del Seeding. (site Hfarm)
  • VC e fondi da Round pieno: sono i finanziatori più  grandi che fanno i round (solitamente da 1 a 3) e che investono dai 500k ai 2 mln di euro .  Vi rientrano:
    • Vertis Fondo di Napoli con capitale misto privato e pubblico, che investe nel settore  digitale e biomedicale,  e su prodotti e processi di innovazione. Investono sino  a 2 mln , ma solo in società che hanno almeno una sede operativa nel meridione (abruzzo compreso, lazio escluso) (Info website Vertis ).
    • Quantica. Fondo di Milano che ha una grande dotazione di capitale (in parte pubblico) ed ha un nuovo fondo  dedicato al meridione. Ha  già investito in Liquida, e quindi ha una buona conoscenza del mercato digitale.  (Info sito Quantica)
    • Innogest Fondo di Torino, uno dei più grossi  in Italia con disponibilità vicine agli 80 mln, ricerca aziende innovative e in rapida crescita ma predilige le attività con espansione internazionale. Hanno investito tra gli altri in TheBlogTv e Mobango, realtà interamente digitali.  (Info Innogest)
    • 360 capital partner Fondo italo-francese  con sede a Parigi e Milano, che investe quasi esclusivamente in Francia. In Italia ha portato a termine l’operazione Mutuionline con la quotazione (operazione nata molti anni fa). Uno dei principali esponenti è Fausto Boni  (Website)
    • Atlante sono 2 fondi con sede Milano e Napoli del Gruppo IntesaSanpaolo,  uno è dedicato al meridione finanziato con parte di soldi pubblici. L’altro su tutto il territorio nazionale è  parzialmente impiegato. Gli investimenti sono perlopiù su biomedicale, innovazione di processo, ancora poco internet. Presenza. (Info Website)
    • Francesco Micheli Associati, di Milano a  metà strada tra un fondo ed un Family office. E’  il team che investe per Francesco Micheli (ebiscom, fastweb) ed il figlio Carlo  (Born4shop adesso fuso con Saldiprivati di Banzai). Preparatissimi, da visitare assolutamente ma solo se c’è un piano molto solido.
    • Fondi Esteri sono da  considerare solo se il progetto ed il piano hanno un respiro europeo e se l’azienda è già avviata ad uno stadio rilevante.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: